umidificatore



Indipendentemente da dove e come conservate le vostre scorte di tabacco, se usate un contenitore (vetro, ceramica di Limoges, porcellana) nella vostra dotazione da pipatore non può mancare un umidificatore. Sì, lo sappiamo che c'è chi adotta metodi autarchici e assurdi (bucce di patata, fette di mela, frammenti di mattone impregnati), ma perché affidarsi a pratiche sciamaniche quando l'Mpc vi mette a disposizione – gratuitamente, tra l'altro – un umidificatore collaudato ad hoc?

Realizzato artigianalmente da Maurizio Ottoboni (in arte Mao) in esclusiva per i soci l'umidificatore Mpc è un semplice cilindretto in acciaio inox Aisi 304, "imbottito" di semplice cotone idrofilo, lana di cotone, ovatta… insomma, bambagia. Ancor più semplici le istruzioni per l'uso: impregnare l'ovatta con comune acqua di rubinetto, scuotere l'umidificatore per far uscire l'acqua in eccesso, asciugarne l'esterno e deporlo nel contenitore di tabacco. Tutto qui. Naturalmente l'umidità verrà assorbita dal tabacco e dopo qualche giorno l'ovatta risulterà asciutta; basta ripetere l'operazione. Almeno finché avrete scorte di tabacco…
umidificatore
umidificatore


Homepage