logompc
   

frame

La pipa nel cinema
Un ininterrotto e fumoso cameo dai tempi del muto a oggi

Come noto il "cameo", nel linguaggio cinematografico, è la breve apparizione di un personaggio famoso in un film. Un piccolo ruolo in cui il personaggio, nella maggior parte dei casi, interpreta se stesso. Ecco, la pipa non ha mai ambito ad essere la protagonista principale di un film, ma certo le sue apparizioni, i suoi ruoli cameo hanno seguito di pari passo la storia del cinema, anzi, il primo fotogramma in cui appare, nel 1989 in "Cripple Creek Barroom", il cinema non si chiamava ancora "cinema", ma "kinetoscope" ideato e girato nello studio Black Maria da Thomas A. Edison & William K. Dickson. 1898

1898 "Cripple Creek Barroom"




1911

1911 Max Linder in "Max et le quinquina"
Da allora (e solo la difficoltà a reperire i fotogrammi ne limita la testimonianza) la pipa appare un po' su tutti i set, dal 1911 con Max Linder in "Max et le quinquina" fino ai bozzetti disegnati da Georges Méliès nel 1912  per "À la conquête du Pôle". La pipa non poteva non essere testimone, nel 1916, alla fusione di più case di produzione dando inizio allo show business di Hollywood, tra i fondatori Jesse Lasky (con la pipa), Adolph Zukor, Samuel Goldwin, Cecil B. De Mille (con la pipa) e Albert Kaufman.

1916

1916 I pionieri dello show business di Hollywood
1912

1912 Georges Méliès "À la conquête du Pôle"
Senza distinzione di scuole cinematografiche, infatti, appare nel 1922 ne "Il vascello tragico" di Victor Sjöström, nel 1923 in "Greed" di Erich von Stroheim, nel 1934 in bocca a William Powell ne "L'uomo ombra" (The Thin Man) di W. S. Van Dyke e nel  1936 in "Furia" di Fritz Lang.


1922

1922 "Il vascello tragico" di Victor Sjöström



1923

1923 "Greed" di Erich von Stroheim


1934

1934 William Powell ne "L'uomo ombra"
di W. S. Van Dyke.

1936

1936 "Furia" di Fritz Lang
1940

1940 Douglas Fairbanks Jr. in "Safari"
di Edward H. Griffith.

1941b

1941 Welles
Naturalmente ci siamo limitati a film entrati di diritto nella storia del cinema, sia che si trattasse della pipa di Douglas Fairbanks Jr. in "Safari" di Edward H. Griffith (1940) sia di quella di Orson Welles nel suo capolavoro "Quarto potere" nel 1941 Joseph Cotten. Nello stesso anno la ritroviamo con Frank Capra sul set di "Arriva John Doe" con Barbara Stanwyck e Gary Cooper, e l'anno dopo con Bing Crosby in "La taverna dell'allegria" (Holiday Inn) di Mark Sandrich.



1941c

1941 Frank Capra sul set di "Arriva John Doe"

1941

1941 Joseph Cotten e Orson Welles
in "Quarto potere"

1942

1942 Bing Crosby in "La taverna dell'allegria"
di Mark Sandrich
1946b

1946 "Sfida infernale" di John Ford

1948

1948 "Manon" di Henri-Georges Clouzot
Ma anche nel 1946 in "Boomerang, l'arma che vendica" di Elia Kazan e "Sfida infernale" di John Ford, nel 1948 in "Manon" di Henri-Georges Clouzot come con Cary Grant ne "La casa dei nostri sogni" (Mr. Blandings Builds His Dream House) di Henry C. Potter, attraversando tutti i generi. 1946

1946 "Boomerang, l'arma che vendica"
 di Elia Kazan

1948a

1948 Cary Grant ne "La casa dei nostri sogni"
di Henry C. Potter
Rieccola nel 1952 col regista John Ford sul set de "Un uomo tranquillo" con John Wayne e ne "Il figlio di viso pallido" di Frank Tashlin con Bob Hope, e anche nel 1955 in "Ordet - La Parola" di Carl Theodor Dreyer

1955

1955 "Ordet - La Parola" di Carl Theodor Dreyer
1952b

1952 "Il figlio di viso pallido" di Frank Tashlin
con Bob Hope
1952a

1952 con John Wayne

1952

1952 John Ford sul set de "Un uomo tranquillo"
Dal 1958 è inseparabile da Jacques Tati, da "Mio zio" (Mon oncle") come in tutti i film che lo vedono regista e protagonista, anche se il povero Tati finirà "vittima" mezzo secolo dopo della legge francese che ridicolmente cercava di "conciliare le esigenze della legge anti-fumo con la salvaguardia della cultura": nel poster di una mostra a lui dedicata  gli viene infilata una girandola al posto della pipa…
Dal comico al drammatico per la pipa il passo è breve e sempre nel 1959 è con Max von Sydow ne "Il volto" (Ansiktet) di Ingmar Bergman, e senza trascurare il "noir", il poliziesco.

1958

1958 "Mio zio" di e con Jacques Tati
1958 affiche

Il poster censurato

1958a

1958 Max von Sydow ne "Il volto"
di Ingmar Bergman


La pipa è d'obbligo il 29 gennaio 1958, quando esce "Maigret tend un piège"di Jean Delannoy, primo dei tre adattamenti cinematografici in cui il ruolo di Maigret viene interpretato da Jean Gabin (ed è lo stesso Georges Simenon a fargli da "maestro", almeno per quanto riguarda il fumare la pipa). Anche l'irlandese Richard Harris nel 1988 e nel 2017 Rowan Atkinson (Mr. Been) si cimenteranno (senza successo) nel ruolo del commissario di Quai des Orfevres. Ben altro successo riscosse invece Gino Cervi, nel 1966, in "Maigret a Pigalle" di Mario Landi; il primo ed unico film per il cinema con l'attore bolognese che in quel periodo interpretava già il personaggio, nei sedici sceneggiati della serie tv "Le inchieste del commissario Maigret", trasmessi dalla Rai dal 1964 al 1972 e diretti dallo stesso Landi.
1958b

1958 Jean Gabin "Maigret tend un piège"
di Jean Delannoy
1958c

Georges Simenon sul set con Gabin
1988

Richard Harris/Maigret nel 1988
2017

Rowan Atkinson/Maigret nel 2017
1966 cervi

Gino Cervi nel 1966, in "Maigret a Pigalle"
1964

1964 Lee Van Cleef in "Per un pugno di dollari"
di Sergio Leone

1971

1971 "La vraie nature de Bernadette"
 di Gilles Carle


Riecco la pipa nel 1963 con Marlon Brando in "Missione in Oriente" di George Englund, nel 1964 con Lee Van Cleef in "Per un pugno di dollari" di Sergio Leone e sempre con lui nel 1966 ne "Il buono, il brutto, il cattivo" dello stesso regista, così come nel  1971 in "La vraie nature de Bernadette" di Gilles Carle.



1966

1966 Lee Van Cleef  ne "Il buono, il brutto, il cattivo"
di Sergio Leone
1963

1963 Marlon Brando in "Missione in Oriente"
di George Englund
Dagli anni Settanta in poi, tra star system e blockbuster, la pipa viene affidata ai testimonial più famosi; da Sean Connery in "Assassinio sull'Orient Express" di Sidney Lumet, del 1974, a Gregory Peck che nel 1977 è il generale McArthur, con l'immancabile "pannocchia", ne l'omonimo film di Joseph Sargent. Nel 1994 è con Anthony Hopkins in "Vento di passioni" di Edward Zwick e con Sam Neill ne "Il seme della follia" (In the Mouth of Madness) di John Carpenter



1974

1974 Sean Connery in "Assassinio sull'Orient Express" di Sidney Lumet
1977


1977 Gregory Peck è il generale McArthur nell'omonimo film di Joseph Sargent

1994

1994 Sam Neill ne "Il seme della follia"
di John Carpenter
1994

1994 Anthony Hopkins in "Vento di passioni" di Edward Zwick

1994

1994 Anthony Hopkins in "Vento di passioni" di Edward Zwick


2001

2001 Ian McKellen è Gandalf nella trilogia de
"Il signore degli anelli" di Peter Jackson

2002

2002 Daniel Day-Lewis in "Gangs of New York"
di Martin Scorsese

2001

2001 Ian McKellen è Gandalf nella trilogia de
"Il signore degli anelli" di Peter Jackson
2004

2004 Alec Baldwin in "The Aviator"
di Martin Scorsese
Nel nuovo millennio è un must per Ian McKellen nel ruolo di Gandalf nella trilogia (2001/2002/2003) de "Il signore degli anelli" di Peter Jackson, come, nel 2002 Daniel Day-Lewis the Butcher in "Gangs of New York" di Martin Scorsese, mentre nel 2004 accompagna Alec Baldwin nel ruolo di presidente PanAm in "The Aviator" di Martin Scorsese. Senza dimenticare, nel 2007, Ellen Page in "Juno" di Jason Reitman; una delle rarissime attrici pipesmoker.


2007

2007 Ellen Page in "Juno" di Jason Reitman
2009

2009 Christoph Waltz in "Bastardi senza gloria"
di Quentin Tarantino

2015

2015 Kurt Russel in " The Hateful Eight"
di Quentin Tarantino

Quentin Tarantino deve avere una passione particolare con la pipa, visto che la troviamo con Christoph Waltz, nel 2009 nel suo "Bastardi senza gloria", ma anche nel 2012 con Leonardo DiCaprio in "Django Unchained" fino al record di Kurt Russel, che nel 2015 fuma una Mastro De Paja, e per ben dieci minuti inquadrata sul grande schermo.




2015

2015 Kurt Russel in " The Hateful Eight"
di Quentin Tarantino
2012

2012 Leonardo DiCaprio in "Django Unchained"
di Quentin Tarantino

2012

2012 Leonardo DiCaprio in "Django Unchained"
di Quentin Tarantino

2010

2010 Mickey Rourke ne "I mercenari"
di Sylvester Stallone

2016

2016 Eva Green in "Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali" di Tim Burton
Da segnalare infine Mickey Rourke ne "I mercenari" di Sylvester Stallone del 2010; Martin Freeman che interpreta Bilbo Baggins in Lo Hobbit di Peter Jackson del 2012, la sensuale Miss Peregrine, alias Eva Green nel 2016 in "La casa dei ragazzi speciali" di Tim Burton, come nello stesso anno Liam Neeson in "Operation Chromite" di John H. Lee.

2012

2012 Martin Freeman è Bilbo Baggins in Lo Hobbit
di Peter Jackson

2016

2016 Liam Neeson in "Operation Chromite"
di John H. Lee
Un capitolo a sé meriterebbe il personaggio creato da sir Arthur Conan Doyle, Sherlock Holmes, che è apparso sul grande schermo (ovviamente con la pipa) in innumerevoli corto e lungometraggi dal 1900 a oggi, dal cinema muto al digitale, Giusto per limitarci agli interpreti più famosi segnaliamo John Barrymore (1922), Peter Cushing (1959), Christopher Lee (1962), Christopher Plummer (1979) fino a Robert Downey jr. (2009).

1922 jb

Sherlock Holmes/John Barrymore (1922)
1959

Sherlock Holmes/Peter Cushing (1959)

1979

Sherlock Holmes/Christopher Plummer (1979)
1962

Sherlock Holmes/Christopher Lee (1962)

2009

Sherlock Holmes/Robert Downey jr. (2009).

Poi ci sarebbero le pipe nei film d'animazione, i cartoni animati, ma questa è un'altra storia…

e.r.b.
P.S. Naturalmente i personaggi inquadrati con la pipa nei film sono molti, molti di più e questa vuole essere solo una carrellata rappresentativa, ma se avete occasione di imbattervi in un'immagine "pipesca" tratta da qualsiasi film saremo ben lieti di aggiornarla. Basta inviarla a mpcbuletin indicando titolo del film ed, eventualmente, l'attore che la fuma. Anche qualsiasi correzione o suggerimento è sempre ben accetto.



Homepage